Concerto di Musica sacra, una voce in viaggio tra le mura abbaziali: LA FOTOGALLERY
nov152022

La potenza della voce e la dolcezza della musica, quando si fondono, arrivano nello spazio più intimo di chi li ascolta. Un viaggio segreto e diverso per ognuno che nella melodia di un canto si abbandona a quel mistero che abbraccia arte e spirito.

Un concerto strepitoso quello che si è tenuto la scorsa domenica all'interno della Chiesa abbaziale dove il soprano Silvia Martinelli e l'organista Andrea Trovato hanno lasciato il segno ai tanti presenti seduti sui banchi. Una sorpresa per molti che non conoscevano gli artisti - uniti nell'arte e nella vita - che per la prima volta hanno varcato la soglia dell'Abbazia. Lo hanno fatto con la loro preghiera, quella che giunge attraverso le note di un canto.

"Sono rimasta affascinata da questo ambiente così mistico, così bello e ricco di affreschi – racconta la Mª Martinelli-. Si respira una grande spiritualità. Ne avevo sentito parlare ma purtroppo non abbiamo mai avuto occasione di visitarlo. La sua spiritualità lo rende un contenitore adatto al programma che abbiamo eseguito. Cantando si prega e questo luogo aiuta a fondere la musica con il canto a cui si aggiungono questi meravigliosi dipinti. Nel momento in cui sono entrata sono stata colpita dai colori delle pitture e, avendo viaggiato molto, ho subito pensato che 'gli altri non ce l'hanno'. L'Italia è un Paese pieno di tesori. E Farfa, che non ha le dimensioni una grande città e quindi la sua stessa notorietà, è l'emblema di come in un piccolo borgo possa esserci così tanta ricchezza".

"Siamo venuti per il concerto e quindi in tempi più o meno stretti ma ci ritorneremo con calma per visitarlo nel dettaglio – spiega il M° Trovato-. Ma basta anche solo arrivare a Farfa per sentirne la grandissima carica spirituale. Da un punto di vista tecnico posso dire che l'acustica è ottima e si presta bene soprattutto per la voce che viaggia amplificata in tutta la basilica. Bella e dolce la timbrica di questo organo, adatta per il repertorio romantico".

Grazie ai Maestri per l'emozionante e coinvolgete musica, grazie al Sabina Musica Festival che offre sempre pregiate perle musicali e grazie al Padre Priore Dom Eugenio Gargiulo che ha aperto le porte all'arte e quindi al cuore di ognuno!

Foto: Fabrizio Farese

Galleria fotografica