L'Abbazia di Farfa, da quassù...

Da quassù vedo che fuori e dentro l'Abbazia c'è il cuore verde di Dio.
Da quassù gli archi addolciscono le linee architettoniche più volte abbattute, rinate. Da quassù i cortili quadrati rendono ancor più solenne il tetto centrale sotto il quale si trova l'altare. Da quassù possiamo immaginare l'arte di chi ha lasciato un segno magistrale. Da quassù non si vede il mare ma la cura di chi sa amare.
Da quassù le alte cime dei cipressi osservano la vita contenuta nelle antiche mura. Da quassù i campanili sono i primi a salutare chi sale. Da quassù nasce il desiderio di andare laggiù per ascoltare il suono delle campane che dal convento arriva fino alle case per ricordare l'intimo spazio dove pregare.

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

L'Abbazia di Farfa, da quassù...

Home Page | Torna indietro