Visitare l'Abbazia di Farfa

"E' stata un'immagine che raramente si vede oggi in Italia, quando la carrozza è venuta a prenderci e il venerando abate con i suoi pochi monaci rimasti e uscito a dare un saluto". Con queste parole il noto scrittore e viaggiatore inglese Augustus John Cuthbert Hare nel chiudere la sua giornata farfense descrisse l'atmosfera, che ancora oggi si respira e si svela agli occhi dei visitatori, dei turisti e dei pellegrini. Le visite guidate, sotto la direzione del Priore Conventuale, sono gestite dai nuovi Servizi Culturali dell'Abbazia che si avvalgono di personale formato ed autorizzato. Le nostre guide accompagnano il visitatore alla scoperta di uno dei monumenti più insigni del Medioevo europeo e del Rinascimento italiano. Il percorso di visita guidata, compatibilmente con le celebrazioni liturgiche, ha inizio in basilica, gioiello dell'arte rinascimentale dove si possono ammirare, tra i resti delle vestigia medievali, le maestose e vivaci pitture dei fratelli Zuccari, di Orazio Gentileschi e della sua bottega, di Hendrik van der Broek e la sua formazione veneto-fiamminga. Si entra poi in monastero percorrendo il corridoio d'ingresso con i resti del coro quadrato che, insieme al campanile, costituisce la parte est dell'antico impianto della chiesa medievale. Alla fine del corridoio, dalle cui bifore si può ammirare il chiostrino "longobardo" , si entra nell'antico refettorio monastico con affreschi del Cavalier Vincenzo Manenti (XVII secolo). Il percorso continua nel chiostro rinascimentale, costruito dal cardinale Alessandro Farnese, nipote del papa Paolo III, nella seconda metà del XVI secolo. Dal chiostro è visibile l'ingresso della cripta della basilica medievale con un sarcofago risalente all'epoca romana; si accede poi alla sala espositiva della Biblioteca Statale, annessa al Monumento Nazionale di Farfa, dove si possono ammirare le pagine di alcuni dei famosi manoscritti medievali rimasti in possesso della Biblioteca; ed infine alle sale in cui si può ammirare la trascrizione in dodici scene del Chronicon Farfense di Gregorio da Catino (XII secolo), della Fiera e dei Castelli di Farfa, realizzato dall'illustratore genovese Emanuele (Lele) Luzzati.

Modalità di visita

La visita è possibile solo con personale dell’Abbazia ed è consigliata la prenotazione.

Per gruppi organizzati, associazioni, tour operator, parrocchie e scuole è obbligatoria la prenotazione tramite il modulo accessibile qui sotto:

Vai al modulo Scheda di prenotazione visita guidata SCUOLE

Vai al modulo Scheda di prenotazione visita guidata PARROCCHIE

Vai al modulo Scheda di prenotazione visita guidata GRUPPO GENERICO

La prenotazione non è vincolante e sarà valida esclusivamente al ricevimento di una nostra e-mail con comunicazione di conferma in cui verrà specificato anche il costo d'ingresso.

Orari

Il servizio di visite guidate si effettua nei seguenti orari:
mattina 10:00 - 13:00 pomeriggio 15:30 - 17:30

Martedì chiuso

Informazioni, prenotazioni, visite guidate per singoli e gruppi

Tel. 0765.277065 (centralino)
Skype: farfaturismo
E-mail: turismo@abbaziadifarfa.it

 

Due emozioni in un giorno

Pacchetto di visita: Farfa&Battello sul Tevere

Scarica la scheda Presentazione del pacchetto

Scarica la scheda Itinerario: da Farfa al Battello

Scarica la scheda Itinerario: dal Battello a Farfa

 

 

FarfaTurismo AbbaziadiFarfa | Crea il tuo badge

 

Torna indietro