Sabina a Teatro - Domenica 27 aprile Farfa in Sabina sala dell'Abbazia

23/04/2008 | Sabina a Teatro - Domenica 27 aprile Farfa in Sabina sala dell'Abbazia

Sabina a Teatro - Domenica 27 aprile Farfa in Sabina sala dell'Abbazia

Domenica 27 aprile ore 16 Centro RAT - Teatro dell’Acquario
Giufà e il mare
da Calvino ai racconti popolari arabi
Regia e testo di: Anotonello Antonante
Con: Maurizio Stammati, Salvatore Vercellino, Dora Ricca
Musiche di: Ambrogio Sparagna
Costumi e scene: Dora Ricca
Un cantastorie incontra nel suo viaggio, un organettista cieco, un omero musicale che porta con se come compagno di viaggio. Con il suo aiuto e con l’ausilio del teatro di figura, racconta
alcune delle storie di Giufà, tratte da Calvino e dai racconti popolari arabi. Un racconto nel racconto. Il cantastorie gioca con il percorso narrativo come con gli oggetti e gli elementi scenografici attraverso un viaggio nel mediterraneo, dove con dialetti e lingue diverse, colori e suoni, attori e personaggi, racconti e aneddoti, miti di un tempo e cose reali, identità e tradizioni, incontra e conosce tante persone sempre diverse tra loro, ma alla fine scoprendo di avere incontrato solo Giufà. Giufà si chiama Djeha in Algeria e in Marocco, Goha in Egitto, asreddine Hodja in Turchia, Giufà in Sicilia e Calabria, dove tuttavia è più noto come Iugale, Giaffah in Sardegna, Gihane a Malta...e ancora Giucca in Toscana, Giucà in Albania, Turlulè in Trentino, etc... Giufà è un tipico esempio di "transumanza narrativa": spesso temi eguali o quasi si ritrovano, spesso
identici nei concetti e a volte nei nomi in paesi assai distanti, sempre appartenenti a un'area culturale che affonda le sue radici in una comune matrice: il Mediterraneo.

Domenica 27 aprile Farfa in Sabina sala dell'Abbazia
ore 16:00 - Costo biglietti: 5,00 € posto unico
Con il Sostegno della Fondazione Filippo Cremonesi




 

 

Torna indietro | Tutte le news